10 Apr 2009

Postato da in Repliche | 0 commenti

La replica (30) Buona Pasqua

pasquaPubblicato sul mio vecchio blog (www.tcapreago.blogspot.com) domenica 23 marzo 2008; buona lettura!

 

Ieri notte ho fatto un sogno: ho sognato di poter fare qualunque cosa, ho sognato di non dover rendere conto a nessuno, ho sognato di non avere un coscienza. Ieri notte ho sognato di poter ordinare agli altri quello che devono fare, ho sognato di potere evitare i loro sguardi, ho sognato di non dovere ascoltare ciò che hanno da dirmi. Ieri notte ho sognato di avere le mani sporche, ho sognato di tentare di pulirle senza riuscirci, ho sognato di non essere capace di una carezza. Ieri notte ho sognato di avere soltanto nemici, ho sognato di non conoscere la parola amore, ho sognato di non avere bisogno di un cuore in mezzo al petto. Ieri notte ho sognato di essere un vincente, ho sognato di farmi beffe degli avversari, ho sognato di avere una pistola al posto della racchetta. Ieri notte ho sognato di non avere memoria, ho sognato di tirare sempre indietro la mano; ho sognato di potere vedere solamente il riflesso della mia immagine. Ieri notte ho fatto un lungo sogno: ho sognato di essere solo, ho sognato che non me ne importava nulla, ho sognato di non avere il coraggio di ammetterlo.

Ieri notte ho sognato di avere molte frecce al mio arco, ho sognato di averle avvelenate tutte, ho sognato di fare sempre centro. Ieri notte ho sognato di non riuscire a sentire il vento fra i capelli, ho sognato di non poter respirare a pieni polmoni, ho sognato di fuggire dal sole come dalla peste. Ieri notte ho sognato di farla soffrire ancora una volta, ho sognato di spezzarle di nuovo il cuore, ho sognato di prenderlo a calci senza ritegno. Ieri notte ho sognato di fare un passo avanti e due indietro, ho sognato di camminare lungo un sentiero buio, ho sognato di non avere qualcosa in cui credere. Ieri notte ho fatto un terribile sogno, tuttavia quando mi sono svegliato ho tirato un lungo sospiro di sollievo; se fossi un despota, un tiranno temuto da tutti, forse farei dei sogni migliori, ma la mia vita sarebbe un unico grande incubo. Buona Pasqua, di cuore!


Andrea Villa

Lascia una risposta.