15 Dic 2009

Postato da in Speciale | 2 commenti

Speciale (40) Mediocrità

mediocreMediocre, che è di mezzo tra gli estremi. Fra il molto ed il poco, il grande e il piccolo, fra il buono e il cattivo. Comune, insignificante, banale, anonimo, modesto, scarso, misero, inetto, incapace. La lista dei sinonimi potrebbe continuare, pur essendo chiaro il concetto. La mediocrità è intorno a me, la vedo ovunque; sono un pazzo visionario, in preda a continue allucinazioni, un matto da camicia di forza. Un elemento imprescindibile, di cui non è possibile fare a meno, una malattia che ha infettato tutti: ho paura di ammalarmi. Sono sincero, perché mentire, non c’è motivo di mascherare la verità, di truccarla da pagliaccio; se sono l’unico a riconoscerla non corro nemmeno il rischio che qualcuno possa credermi. L’ordine è dare retta alla massa, a chi nuota nel grande mare degli ottusi, dove un posto si trova sempre. Sento una strana amarezza insinuarsi in bocca, è il primo sintomo, quel sapore nauseante a cui spero di non cedere. Detesto i farmaci, curano una parte di te e riescono ad infettare un’altra, lavorano senza fare domande, eseguono e basta, artificiali predatori di malessere.

Non c’è pillola, pastiglia, compressa che sia in grado di eliminare la mediocrità. I vampiri sono radunati là fuori, gli sciacalli pronti al saccheggio, non so come difendermi. Arroccato nella mia follia medito la fuga, prima di venire intossicato, farmi avvelenare, subire il contagio. La resistenza vacilla, i sudori freddi sono un presagio; più vicino, più vicino, più vicino: sto per soffocare. Prendo l’ultimo respiro, un estremo soffio di libertà, e solo esco a combattere.

Andrea Villa

  1. Tranquillo Andrea come vedi nessuna medicina da prendere. Tu brilli already e assai. Non aver paura nel farlo.

  2. “La nostra paura più grande non è quella di essere inadeguati, piuttosto quella di avere potere a dismisura.
    E’ la nostra luce a spaventarci, non le nostre tenebre.
    Siamo tutti destinati a brillare. Siamo nati per manifestare la gloria di Dio che c’è dentro di noi. Non si trova solo in alcuni di noi, ma in tutti.
    Quando facciamo brillare la nostra luce, diamo inconsciamente agli altri il permesso di fare lo stesso.
    Nel momento in cui ci liberiamo dalla nostra paura… la nostra presenza libera automaticamente gli altri.”
    (Marianne Williamson)

    Tranquillo Andrea come vedi nessuna medicina da prendere. Tu brilli already e assai. Non aver paura nel farlo.

    p.s. non so cosa sia successo ma forse il troppo brillare mi ha cancellato metà commento prima…

Lascia una risposta.