9 feb 2010

Postato da in Speciale | 0 commenti

Speciale (47) Vero o falso?

veroNon è un quiz da riempire. Nemmeno uno stupido gioco. Vero o falso? Una scelta da fare. Decidere da quale parte stare. Distinguere. A chiare lettere. Trovare l’evidenza. Non commettere un errore. Un errore soltanto. Sbagliare non è consentito. È una questione di una certa importanza. Tra inganno e verità. Tra l’autentico e il bugiardo. Tanti, troppi, quasi tutti. Non vedono, non sentono, non parlano. Fanno semplicemente finta. Vero o falso? Una domanda innocua, innocente. Facile rispondere. Elementare superare la linea di demarcazione. Il confine. Di qua oppure di là. Non è un concorso. Non basta colorare un piccolo quadrato. Bisogna decidere. Al bando le opinioni. Le interpretazioni. Solo fatti. Cadere in fallo non è permesso. Vero o falso? La differenza. Una concreta diversità. La speranza dell’eterno duello. Mai fare scambio. Mai mescolarsi. Mai diventare una cosa sola. Separate dalla nascita. Fino alla fine dei giorni. Non è uno scherzo leggero. Una burla con cui farsi quattro risate. L’equivoco non è ammesso. Vero o falso? Un lavoro quotidiano. A piene mani. A cuore aperto. Profondere trasparenza. A mani chiuse. A cuore morto. Profondere sporcizia. Non è un passatempo. Nemmeno un banale divertimento.

È una questione di vita. Cibo per l’anima. Veleno per l’anima. Di cosa farsi intossicare? Vero o falso? Io sto in disparte e cerco i capire.

Andrea Villa

Lascia una risposta.