4 Mag 2010

Postato da in Speciale | 1 commento

Speciale (58) Bellezza

Bellezza accecante. Una folgore in mezzo agli occhi. Diretta. Pericolosa. Inutile sbattere le palpebre. Provare a difendersi. Cercare una protezione. Meglio cedere. Perdere subito. Deporre le armi. Diventare schiavo. Succube di qualcosa. Di qualcuno. Di rara bellezza. Preziosa come un diamante. Un gioiello da maneggiare con cura. Caldo capolavoro. Estasi per gli occhi. Aperti. Spalancati. Increduli davanti a tanto. Vano ogni tentativo. Di schermirsi. Di trovare riparo. Di provare a non credere. Meglio perdersi. Lasciarsi convincere. Capitolare. Il resto non conta. Ha poco valore. È pura distrazione. Dalla gemma. Dalla magnifica pietra. Una rarità da sfiorare appena. Per non rovinarla. Corromperla. Sciuparla. Con una banale mossa. Uno stupido approccio. Uno scellerato contatto. Alla divina bellezza. Immortalata negli occhi. Presa da uno sguardo. Mai posseduta veramente. Eppure vicina. Mai abbastanza. Senza rischiare. Di restare abbagliati. Scottati. Bruciati. Da un calore troppo caldo. Da un sole ardente. Un fuoco in cui arroventarsi. Diventare l’ennesimo zampillo. Appena una scintilla. In fondo agli occhi. Ai poveri deboli occhi.

 Aperti. Dominati. Da un padrone. Dalla bellezza. Unico commestibile cibo.

Andrea Villa

  1. Dice il saggio: “La bellezza è negli occhi di chi guarda”

    Comunque, leggerti è sempre fonte di riflessione. Hai un “taglio” letterario notevole, mai banale….

    Un abbraccio, Anna

Lascia una risposta.