16 Ago 2010

Postato da in Risultati | 0 commenti

Risultati (44) Toronto, Cincinnati

Andy Murray conquista il primo torneo della stagione a Toronto, confermando il titolo dello scorso anno; in finale è riuscito a battere Roger Federer con un doppio 75, in un incontro disturbato dalla pioggia. Lo scozzese è partito molto forte, procurandosi due break, facendosi però rimontare fino al 5 pari, dove lo svizzero ha di nuovo ceduto il servizio, cedendo il primo set al dodicesimo gioco. Stesso risultato per la seconda frazione con Murray che riesce ancora a fare il break sul 5 pari, per chiudere un torneo in cui in semifinale aveva battuto abbastanza agevolmente Rafa Nadal. Buona prestazione per Federer, capace di sconfiggere prima Berdych, vendicando due sconfitte nel 2010, e poi Djokovic in semifinale, scippandogli la seconda posizione mondiale. L’unico italiano presente è stato Fabio Fognini, bravo a superare le qualificazioni, per poi battere Stepanek e cedere a Davydenko. In campo femminile successo a Cincinnati per Kim Clijsters, la giocatrice belga ha sconfitto in finale Maria Sharapova, annullando tre match point nel secondo set in cui si trovava sotto 53 dopo aver perso il primo per 62; una interruzione per pioggia rompeva la sicurezza mostrata fino a quel momento da parte della russa, costretta prima al tie break, e poi ad un terzo set dall’esito scontato: 26 76 62 il punteggio a favore della Clijsters. Quarti di finale raggiunti da Flavia Pennetta, sconfitta proprio dalla vincitrice del torneo, mentre delude ancora Francesca Schiavone, eliminata subito dalla russa Vesnina. Questa settimana il circuito maschile si sposta a Cincinnati, mentre le ragazze traslocano in Canada, ma a Montreal: mancano soltanto due settimane all’inizio dell’ultima prova del grande Slam, sui campi di Flashing Meadows.

Il tabellone di Toronto:

http://www.rogerscup.com/men/pdf/SMD_aug_15_10.pdf

Il tabellone di Cincinnati:

http://www.sonyericssonwtatour.com/SEWTATour-Archive/posting/2010/1017/MDS.pdf

Andrea Villa

Lascia una risposta.